SCAUTISMO 2.0: LA SFIDA DEL DIGITALE

Il Centro Studi ed Esperienze Scout Baden-Powell, sempre attento alla realtà dello scautismo italiano, ha organizzato il convegno SCAUTISMO 2.0: LA SFIDA DEL DIGITALE, con l’obiettivo non solo di conoscere gli studi e le ricerche su questo tema, avviate nelle varie associazioni scout nazionali e internazionali da alcuni anni, ma anche di verificare come sia possibile conciliare lo scouting con l’uso della telematica nelle sue varie forme, nei suoi riflessi sia tecnici che comportamentali. Per queste ragioni sono stati invitati relatori appartenenti alle diverse associazioni scout (AGESCI, FSE, CNGEI) e rappresentanti delle Associazioni Scout aderenti alla WFIS, in modo da avere un quadro il più completo possibile di quanto si sta facendo nell’ambito dello scautismo italiano. Inoltre sono stati presenti relatori appartenenti al mondo universitario e istituzionale per verificare i riflessi socio-pedagogici e comportamentali sui ragazzi. Il convegno si è svolto a Firenze, sabato 7 novembre 2015, ed hanno partecipato molti rappresentanti della nostra associazione, anche in qualità di relatori. Qui di seguito le relazioni dei nostri capi ed il programma della giornata: Locandina con il programma della giornata Attilio Greco: B.-P. e le tecnologie digitali Marco Bertoldi: Esperienze didattiche nell’uso degli strumenti digitali in una scuola primariaEsperienze didattiche scuola primaria Gipo Montesanto: #stilescout: essere scout al tempo della rete Qui alcune foto della...

Assemblea Generale 2015 – Convegno “Educazione nel piccolo gruppo”

Il convegno svoltosi durante l’Assemblea Generale 2015 e organizzato dal Centro Studi Scout d’Europa ha avuto come tema l’educazione nel piccolo gruppo. Ci si è soffermati sulla parola “insieme” del motto assembleare “Camminare insieme per formare persone nuove”. E’ stata richiamata la fondamentale modalità educativa che contraddistingue lo scautismo fin dalle sue origini; quella geniale intuizione di B.-P. sperimentata a Brownsea, oltre cent’anni fa. Il pensiero che ha originato l’idea del convegno su questo tema va spiegato in premessa. Una associazione educativa non può esimersi dal ri-vedere, ri-pensare e ri-generare le motivazioni e gli strumenti che rendono viva ed efficace la propria missione. E’ inoltre vitale, per essa, fare memoria delle persone che hanno testimoniato con tanta generosità e fecondità i valori che ne caratterizzano l’anima e l’azione. E’ una duplice attenzione che consente di non perdere il senso della continuità delle proprie scelte fondamentali e della propria storia. Solo così essa potrà generare, nel tempo, adeguate risposte educative per la formazione delle nuove generazioni. Con la pubblicazione del libro “Educazione nel piccolo gruppo: la Squadriglia” e la mostra degli acquerelli allestita a Soriano, si è cercato di unire questi due aspetti che, come evidente, sono complementari. La memoria di Luciano Furlanetto e l’attenzione da lui avuta, come Commissario Nazionale di Branca Esploratori e poi Commissario Generale, per uno degli strumenti fondamentali del metodo scout: la Squadriglia. Con le storie di vita di Squadriglia, da lui illustrate ad acquerello, Luciano ha voluto trasmettere con particolare sensibilità e precisione i valori educativi e metodologici del “sistema delle Pattuglie” ideato dal fondatore Baden-Powell. “Il sistema di Pattuglie è l’aspetto essenziale per...
Caricando...